Bonus Mania

Il settore delle scommesse, da ultimo a leader entro il 2025

Scommesse Online

Dalla grave crisi che ha vissuto il settore delle scommesse nel 2020 e una grande fetta del 2021 a una possibile rinascita e addirittura proiezioni da leader del betting. Il settore sembrava ormai a un passo dal collasso, con futuro per nulla roseo, sia per quanti riguarda, le sale scommesse, sia per i dipendenti senza lavoro da un anno e mezzo.

Nel presente, senza dubbio, il settore del betting, è il grande viatico del pubblico gioco. Un’affermazione confermata dai dati, prodotti dal settore, completamente cambiati in positivo rispetto agli ultimi due anni, specialmente se si considera il settore betting non AAMS (siti scommesse stranieri) quando la filiera era all’ultimo posto.

Oggi l’industria del gambling (casinò online, slot machine e altro), senza la filiera del betting non vale molto, essendo il betting, il reale passatempo di molti scommettitori su eventi sportivi e non solo.

Il settore, nel futuro prossimo, sembra essere destinato a una crescita maggiore, secondo le proiezioni degli esperti. Oltre 18 mesi con le serrande abbassate, non ha vanificato i molti sforzi messi in campo delle scommesse online non AAMS.

Nei mercati esteri regolamentati (senza AAMS), il settore delle scommesse su eventi sportivi, è destinato a conquistare nel 2025, numeri e profitti importanti, fino a circa 106 miliardi di dollari, oggi fermi a circa 75, a fronte di una raccolta di 490 miliardi di dollari.

Queste importanti proiezioni si basano su una specifica analisi di salute di venti giurisdizioni sparse tra Usa, Europa e Australia. I più consistenti ricavi, fino ala passato biennio, erano pari al 35% del totale prodotti dai casinò. Un ruolo fondamentale che i casinò online stranieri (non AAMS) hanno svolto durante i lockdown imposti in tutto il mondo (o quasi).

A seguire il settore delle slot machine e Lotto, rispettivamente al 20% e al 27%. La filiera delle scommesse era più in basso, con ricavi sul totale al 16%. Ancora più sotto il Bingo e tutti gli altri giochi. Le previsioni, con un’assoluta certezza di un radicale cambio di direzione, indicano una nuova classifica del tutto diversa nel futuro della filiera del betting.

I numeri stimati evidenziano una crescita annua del 6,3% nel settore delle scommesse sugli eventi sportivi. Un dato che è oltre il doppio della generale crescita di tutto il settore (2,7%). I casinò nei prossimi quattro anni cresceranno del 3%, mentre il gioco del bingo e altri del 4,1%, del 2,3% le lotterie e infine le slot machine verso una scesa annua dello 0,6%.

Le chiusure causa la pandemia Covid-19, hanno cambiato non soltanto gli strumenti, ma anche le modalità di eseguire le scommesse. Per questi motivi, la crescita del comparto di gioco online, offuscherà quello terrestre. L’industria del gioco online crescerà annualmente del 10,8%, mentre solo dell’1,7% quello fisico.

I profitti prodotti dalle scommesse online sia non AAMS, sia ADM, sono stati di circa 40 miliardi, mentre per il settore terrestre di 28. Nel 2025 il settore delle scommesse online chiuderà a circa 62 miliardi di ricavi, mentre il terrestre a 45 miliardi.

La regolamentazione del gioco ha rafforzato il contrasto verso siti di gioco e scommesse non autorizzati. Gli operatori con una regolare licenza straniera (non AAMS) e con ADM, nel 2012, controllavano circa poco meno del 59% il settore, nel 2020 circa il 74% e nel 2025 si stima circa il 77%.